Floriana Buonomo e Geraldine Ottier

0
floriana

Floriana Buonomo

Floriana Buonomo e Geraldine Ottier, rispettivamente anno 1980 e 1985, studi in Scienze della Comunicazione e after Corso di Regia l’una e Laurea in Spettacolo Digitale e after 2 Master in Montaggio e Assistente alla Comunicazione l’altra, entrambe impegnate lavorativamente a Blockbuster Roma, sono le camaleontiche registe della popolarissima WebSerie LSB.
Quasi due anni fa si cimentavano in un lavoro nuovo, ambizioso e controcorrente che trova la propria strada in contesti mai affrontati prima nel BelPaese, sarà qindi sull’onda di WebSeries OnlyMan già proposte e pubblicate in molteplici varianti che nascerà finalmente l’idea della Prima Web Serie Lsb italiana, totalmente autoprodotta (sceneggiatura, scenografia, montaggio, audio e costumi a cura delle due registe) e sottotitolata per la comunità dei sordi.

geraldine

Geraldine Ottier

Pochi mesi fa le conoscevamo di persona e quello che ci colpiva del loro progetto era il modo in cui raccontano momenti di vita quotidiana della società odierna, lo sguardo innovativo e velatamente ironico con cui ci indirizzano alla voglia di riscatto che le accomuna e che va oltre l’occhio dello spettatore, l’evoluzione delle modalità di produzione e delle tecniche di registrazione e montaggio del loro secondo prodotto professionale, Lsb – The Series II.
Sulla corrente dell’avanguardia possiamo quindi affermare senza riserve che Lsb è un prodotto che ci ha conquistati per la ricchezza di novità, sia sotto punto di vista del nuovo cast e dello sviluppo del precedente confermato, che sotto quello del backstage e dell’attenzione esponenziale per i dettagli tecnici, alla Serie che andrà online nel periodo di Gennaio 2015 infatti ha collaborato un Staff di fonici, assistenti alla fotografia, trucco e costumi, attento e professionale accuratamente selezionato da Flo e Gera.

videogallery_50GUARDA LA VIDEOINTERVISTA DI GERALDINE E FLORIANA

fotogallery50GUARDA LA FOTOGALLERY DI GERALDINE E FLORIANA

 

Share.

Leave A Reply