Oscar Wilde – La ballata del riscatto 2/6

0
Oscar Wilde

Oscar Wilde

Sulla scia del precedente articolo proseguiamo con la lettura de “La ballata del carcere di Reading” scritta da Oscar Fingal O’Flahertie Wills Wilde nel 1897 dalla prigione di Reading ove scontò due anni di reclusione (annessi lavori forzati – reato contestato: sodomia/omosessualità) e pubblicato nel 1898 una volta libero. Il tema principale dell’opera ruota intorno alla pena di morte ed il senso di alienazione dei detenuti.

(…) Eppure ogni uomo uccide ciò ch’egli ama, e tutti lo sappiamo: gli uni uccidono con uno sguardo di odio, gli altri con delle parole carezzevoli, il vigliacco con un bacio, l’eroe con una spada!
Gli uni uccidono il loro amore, quando sono ancor giovani ; gli altri, quando sono già vecchi ; certuni lo strangolano con le mani del Desiderio, certi altri con le mani dell’Oro; i migliori si servono d’un coltello, affinché i cadaveri più presto si gèlino.
Si ama eccessivamente o troppo poco; l’amore si vende o si compra ; talvolta si compie il delitto con infinite lagrime, tal’altra senza un sospiro, perché ognuno di noi uccide ciò ch’egli ama – eppure non è costretto a morirne.
Non è costretto a morire d’una morte infamante in un giorno di tetra jattura, non ha intorno al collo il nodo scorsoio, né la maschera sulla sua faccia; non sente, attraverso il palco, i suoi piedi precipitare nel vuoto.
Non é costretto a vivere assieme a degli uomini taciturni che lo sorvegliano di giorno e di notte ; che lo spiano quando vorrebbe piangere o quando tenta di pregare; che lo spiano per la paura ch’egli stesso defraudi la prigione della sua preda.

The Ballad of Reading Gaol

The Ballad of Reading Gaol

Non é costretto a destarsi sul far dell’alba per scorgere delle spaventose figure raccolte nella sua cella; il Cappellano che trema, paludato di bianco, lo Sceriffo severo, in attitudine di compunzione e il Governatore tutto nero e cerimonioso – con una gialla faccia da Giudizio Universale.
Non é costretto a levarsi con una fretta che fa pietà, per indossare i suoi abiti di condannato, mentre il medico dalla bocca volgare lo cova cogli occhi e prende nota di ogni gesto grottesco e di ogni contrazione nervosa, maneggiando un orologio i cui deboli tic-tac somigliano ai colpi sordi di un orribile martello.
Non è costretto a conoscere la sete bruciante che strazia la gola, prima che il carnefice con i suoi guanti di ruvido cuoio entri per la porta ferrata e vi leghi con tre cinture, in modo che la vostra gola non abbia più sete.
Non è costretto ad inginocchiarsi per ascoltare il salmo dell’Ufficio dei Morti; e, mentre il terrore della sua anima gli accerta che non è morto, non incontra la sua bara, entrando nell’orrida baracca (…)“.

articoli_50LEGGI LA PARTE 1/6 DE “LA BALLATA DEL CARCERE DI READING”

articoli_50LEGGI LA PARTE 3/6 DE “LA BALLATA DEL CARCERE DI READING”

articoli_50LEGGI LA PARTE 4/6 DE “LA BALLATA DEL CARCERE DI READING”

articoli_50LEGGI LA PARTE 4/6 DE “LA BALLATA DEL CARCERE DI READING”

Share.

Leave A Reply