Tara e Willow & Daniela Inglisa – Il vero amore è per sempre_3\3

0

Giungiamo purtroppo all’ultima parte de “Il vero amore è per sempre” di Daniela Inglisa, la scrittrice milanese che ci ha accompagnati in queste tre settimane con la sua rivisitazione del finale tra una delle coppie più sofferte ed amate del Telefilm anni ’90 Buffy l’ammazzavampiri.
Non vi anticipiamo nulla, vi auguriamo solo una buona lettura e soprattutto: tenetevi pront* Daniela presto sullo Store di OnlyGay.it con due suoi inediti assolutamente da non perdere.

Tara e Willow “come avrei voluto che finisse…”

(1…) (2..) Una volta riuniti, cercarono di raggiungere la caverna nel meno tempo possibile. Ma l’impresa era abbastanza ardua, dato che Kennedy era ferita e rallentava il passo. Dopo qualche pausa durante il cammino arrivarono alla caverna, una volta entrati diedero le prime cure a Kennedy. Assicuratasi che la sua ragazza stesse bene Willow, si avvicinò a Tara per vedere se fosse riuscita a trovare qualcosa nel libro delle ombre oscure. La strega era completamente immersa nel libro che non notò neanche la sua presenza, così per attirare la sua attenzione le domandò
“Hai trovato l’incantesimo?”
“Ho trovato quello per distruggere il First, ora sto cercando quello per ridare l’anima alla mia Willow”
“Posso continuare io a cercare se vuoi?” le chiese Willow e aggiunse “riposa un po’, abbiamo usato i nostri poteri in modo molto intenso. Quindi ora tu ti rilassi ed io vado avanti a cercare l’incantesimo, e appena trovo qualcosa ti chiamo subito, ok?”
“D’accordo, tanto quando ti metti in testa qualcosa è difficile farti cambiare idea. Andrò a riposare un po’ ”

Nel leggere quelle pagine, Willow si rese conto di quanto male era contenuto in un semplice libro. Partendo dall’incantesimo per privare una strega dei proprio poteri, fino a distruggere il mondo facendolo invadere dal male nella forma più concentrata. E ogni volta che girava pagina c’era sempre qualcosa di più orribile, quello che stava cercando le apparve, dopo l’incantesimo per congelare nel tempo i poteri di una strega cattiva. Diede uno sguardo all’incantesimo per capire in cosa consisteva, si rese conto che non sarebbe stato facile. Perché secondo quello che riportava il libro, prima dovevano bloccare i poteri della Willow cattiva e per farlo dovevano avvicinarsi a lei. Poi catturarla e infine avrebbero dovuto richiamare l’anima buona che le era stata sottratta. Dopo aver realizzato tutto ciò, corse a chiamare Tara e le spiegò che non era così semplice come avevano pensato finora. Tara lesse attentamente tutto ciò che si sarebbe dovuto fare, e si rese conto che effettivamente avevano avuto una visione troppo rosa e fiori della situazione. Il suo viso si rattristò maggiormente quando vide che l’incantesimo che avrebbe dovuto eliminare il First, aveva bisogno di un amuleto che doveva essere puntato verso il male primordiale.
L’amuleto era nelle mani della cattiva Willow.
L’immagine dell’amuleto era rappresentata sul libro, le due streghe si guardarono, infatti lo avevano visto al collo della brutta copia. Sotto l’immagine era scritta la formula per eliminare il First.
Mentre cercavano il modo di potersi avvicinare alla sorellastra della strega, la cattiva Willow stava ormai arrivando al loro nascondiglio, con sé aveva i migliori portatori rimasti della sua truppa. Contava sul fattore sorpresa, cioè attaccarli appena sarebbero usciti per tentare la loro prossima mossa. Intanto all’interno della caverna, i ragazzi si stavano riprendendo dalla battaglia, solo Buffy sembrava ancora tesa e l’unico a notarlo fu Spike che le chiese “Cosa c’è che non va? Mi sembra che abbiamo avuto successo, a parte una piccola distrazione di Kennedy. Voglio dire gliele abbiamo suonate alla grande”
“Non è finita Spike, ci attaccheranno e non so quando e come potremmo difenderci. Non siamo neanche alla metà dell’opera. Siamo stati fortunati dire” gli rispose Buffy.
“Anch’io credo che ci stiano aspettando, ma noi abbiamo il libro e le due streghette che alla fine tireranno fuori “Un coniglio dal cappello” fece una pausa poi aggiunse “quindi smetti di trastullarti la mente. Hai gia chiesto alle due streghe, se hanno trovato qualcosa?” concluse Spike.
“No, non ho ancora chiesto nulla, ma dalle loro espressioni non prevedo nulla di buono. In ogni modo, ora mi farò dire qualcosa…” disse Buffy avviandosi verso Willow e Tara.
“Ehi! Ragazze, cosa mi dite?” chiese Buffy alle streghe.
Le quali erano immerse nella lettura.
“Nulla di buono” risposero all’unisono le ragazze, ma poi Tara aggiunse “Temo di aver semplificato troppo la cosa, c’è molto più lavoro da fare” concluse.
“In che senso, non capisco?” chiese preoccupata Buffy, Willow spiegò velocemente alla cacciatrice la situazione.
“Quindi dobbiamo riuscire ad attirarla qui, anche se sono sicura che ci stia aspettando. L’unico modo per attirare la sua attenzione è darle ciò che vuole vale a dire il libro. Dobbiamo convincerla che vogliamo restituirglielo, facendole credere che non abbiamo trovato nulla. Convincerla ad avvicinarsi e quello sarà il momento per congelare i suoi poteri e privarla del ciondolo. Voi riuscireste a creare un campo di protezione mentre lei si avvicina a noi? Per sicurezza” concluse domandando Buffy.
“Sì, è così assurdo che può funzionare. Per la protezione nessun problema ci pensiamo noi. Ma dovremmo privarcene appena lei si avvicina per congelare i suoi poteri” rispose Tara con una nuova luce di speranza negli occhi.

Il piano era pronto, lo spirito del gruppo era stato risollevato dopo l’episodio accaduto alla povera Kennedy, grazie alla buona notizia che Buffy aveva appena annunciato. C’era il modo di sconfiggere il First. Alla notizia Kennedy voleva partecipare alla sconfitta del First, ma Willow le impedì di muoversi. Avvicinandosi a lei e costringendola sdraiarsi. Rimproverandola “Tu resti qui. Non sei in grado di affrontare questa battaglia…” venne interrotta da Kennedy che le disse “Non ho alcun’intenzione di lasciarti andare da sola, voglio combattere al tuo fianco” rispose a tono Kennedy.
Willow che era decisa a vincere quel dibattito, le toccò la ferita e aggiunse “Non mi servi a niente così. Sappi che tu sarai con me, la tua forza sarà con me. Ti prometto che tornerò da te. Quindi non preoccuparti, non ho nessun’intenzione di morire e tanto meno di lasciarti” Willow terminò con uno sguardo serio.
Nell’udire queste parole Kennedy si arrese.

Le due streghe, Buffy Spike e infine Dawn e Xander si avviavano all’esterno della caverna. Il violento scorrere dell’acqua fu interrotto da un gesto fatto da Tara con la mano. Tutto sembrò placarsi inesorabilmente come se non ci fosse mai stata una cascata, e il loro cammino verso la foresta sembrava quasi una moviola. Appena giunsero alla riva, tutto riprese con un prorompente fluire dell’acqua, senza sosta. Intanto le due streghe avevano innalzato la protezione. Nelle mani di Willow c’era il libro. Tutto intorno a loro era fin troppo tranquillo, questo fece insospettire Buffy. Infatti, non si udiva il cinguettare degli uccelli, c’era solo il sottofondo della cascata che cominciava quasi a dare noia. All’improvviso Buffy vide una sagoma tra gli alberi, e con la testa fece cenno ai suoi amici che avevano compagnia. Con un’entrata in scena quasi da Oscar, apparve la cattiva Willow che esordì “Guardate chi abbiamo qui ‘Il club del libro’ al completo. Pensavate di fare una lettura a contatto con la natura. Sono qui per riprendermi ciò che mi appartiene. Quindi vediamo di fare una cosa veloce non amo queste rimpatriate invadenti”
“Vuoi il libro vieni a prendertelo, o hai paura di un misero ‘club del libro?’ ” disse con sarcasmo Buffy.
“Pensi di farmi paura Cacciatrice, non sai con chi stai parlando. Potrei eliminarti con un semplice gesto della mia mano se volessi…” venne interrotta da Tara.
“Se sei così forte non dovresti avere timore di venire a prendere un semplice libro, dalle mie mani, tu sei più forte di me ricordi?”
La cattiva Willow si avvicinò alle due streghe disse “Non vi conviene muovervi, come avete modo di vedere anch’io ho un club. Almeno non sono degli sfigati come voi!”
“Ecco il libro, amore…” disse Tara. Sul volto della brutta copia apparve una smorfia.
Mentre la cattiva Willow tese la mano per prendere il libro, Will la trasse verso di sé tenendole la mano e Tara fece lo stesso insieme cominciarono a citare l’incantesimo che avrebbe bloccato i suoi poteri:

PRENDO LE TUE MANI
NELLE MIE
E CON QUESTO LEGAME
BLOCCHERO’ LE TUE
I TUOI POTERI
PER SEMPRE VINCOLERO’
DA ADESSO FINO A QUANDO VIVRO’”

Mentre formulavano l’incantesimo, intorno alle streghe apparve una luce azzurra che lì avvolse e dagli occhi della brutta copia usciva una nuvola nera, con uno scatto felino Dawn afferrò il ciondolo. Buffy Spike e Xander invece intrattenevano i portatori. Sconfitti scapparono, lasciando la cattiva Willow distesa in terra priva di sensi.
Presero il corpo inerme e lo portarono all’interno della caverna. Una volta dentro la immobilizzarono, con un incantesimo che l’avvolgeva alla vita e la faceva fluttuare a mezz’aria. Fatto questo si riunì di nuovo la gang e la prima a parlare fu Buffy
“Okay, ragazzi. Ora non solo abbiamo l’attenzione del First ma anche la sua ira. Abbiamo vinto il pacco completo!” terminò con un filo di sarcasmo.
“Odio, queste vincite inaspettate!” esclamò Xander.
“Che faremo ora?” chiese preoccupata Dawn.
“Sicuramente ci attaccherà, dobbiamo solo aspettare che faccia la sua prossima mossa” rispose Buffy
Nel viso di Tara era evidente la tristezza, mentre osserva la cattiva Willow inerme, che fluttuava immobilizzata.
Will si avvicinò mettendole una mano sulla spalla in segno d’incoraggiamento. Tara era incerta voleva ridare l’anima, alla sua compagna ma sapeva che sarebbe stato un rischio, nel senso che non era sicura della buona riuscita dell’incantesimo. Willow lasciò Tara a vegliare la prigioniera. Mentre si avviava verso la cavità che le era stata assegnata come camera, pensando di trovare Kennedy sveglia per poterle raccontare la sua giornata. Ma non fu così, la sua ragazza era immersa in un sonno profondo. Dato che era calata la sera, decise di sdraiarsi accanto alla sua compagna e si lasciò andare anche lei nel mondo dei sogni. Il suo riposo fu disturbato da uno strano sogno nel quale, si svolgeva l’ultima battaglia contro il First. Erano all’esterno della caverna, il paesaggio attorno a loro non era pieno di colori come se lo ricordava, anzi, era tutto tetro e le cacciatrici impegnate in una brutale lotta, alcune ferite altre ormai passate a miglior vita. Preoccupata, tra la folla cercava il volto della sua ragazza e quando lo vide si rassicurò. La sua tranquillità fu spezza dalla comparsa del First alle spalle della cacciatrice, che colta di sorpresa non fu in grado di difendersi. Willow tentò con un incantesimo di proteggerla, ma il suo tentativo fu invano. Vide Kennedy crollare in un bagno di sangue. Dopo di ciò vide che tutto intorno a lei era di un rosso accesso, e quando stava per reagire, il sogno fu interrotto dalla sua ragazza. Infatti, sentì in lontananza una voce familiare che le diceva
“Will, calmati è solo un incubo, svegliati”
Willow riaprì gli occhi e vide il volto preoccupato della sua ragazza, in quel momento tutto il dolore che aveva provato nel sogno svanì. Sorrise e abbracciò forte Kennedy, che ricambiò in segno di conforto. Mentre si abbracciavano, Willow disse “Era solo un incubo, tu sei viva. Non riuscivo a vivere con quel dolore” incuriosita Kennedy chiese spiegazioni “Che cosa hai sognato? Non avrai mica sognato la mia morte?”
“Ho sognato il combattimento finale con il male primordiale, c’erano tante cacciatrice morte, sangue ovunque. Io non riuscivo a trovarti, ma quando ti ho visto, stavi combattendo. All’improvviso alle spalle il First ti ha ferito a morte. E’ stato orribile, io ho tentato di aiutarti ma sono arrivata in ritardo” concluse Willow scossa.
“Ora sono qui con te, devi solo rilassarti. Sicuramente, è il First che vuole metterti sottopressione. Ricordi, entrò anche nei sogni di Buffy. Non è niente, torniamo a dormire…” Kennedy cercò di rassicurare Willow, anche se questo sogno l’aveva scossa.

Nel frattempo al centro della caverna, Tara attendeva il risveglio della Willow cattiva. Nella caverna era calato ormai il profondo silenzio della notte, dopo molti tentativi di non cedere alla stanchezza Tara cadde addormentata.
I raggi del sole illuminavano l’ingresso della caverna. Proiettando attraverso l’acqua diversi giochi di luce, questi destarono il sonno di Tara, che si svegliò. Notò che la Willow cattiva era ancora K.O.
Nel frattempo arrivò Buffy, che esordì “Un buon modo per iniziare la giornata: alzarsi e vedere il male appeso nel centro della tua tana!”
Tara accennò un sorriso, poi Buffy aggiunse “Com’è possibile che la Willow cattiva è riuscita ad entrare? Voglio dire, l’incantesimo non doveva servire da scudo?” concluse con il tour di domande.
“Quando abbiamo introdotto qui la copia mal riuscita della mia Willow, lei non aveva più i suoi poteri ed essendo svenuta, non era un pericolo, ora come puoi notare, l’incantesimo della caverna è entrato in azione, la resa inoffensiva” rispose Tara.

La mattinata sembrò più lunga delle altre, così le cacciatrici approfittarono della tranquillità per attardarsi a letto. Quando compresero che era ormai l’ora di ritornare alla vita che le attendeva, si prepararono e lentamente si avviarono verso il centro della caverna per la colazione. Una volta riuniti tutti per la colazione, si accorsero dell’assenza di Xander. Convinti che si fosse addormentato al posto di guardia, andarono a vedere. E lì ebbero la conferma della scomparsa di Xander. Tutti trasalirono perché erano convinti che il Primo fosse riuscito ad entrare nella caverna indisturbato, e quindi si fecero prendere dal panico. Buffy vedendo tutta quell’agitazione disse “Ragazzi, datevi una calmata o vi sistemo io!” fece una pausa e poi aggiunse “Non credo che sia entrato, ma io sono certa che ha tratto con l’inganno Xander fuori della caverna. Sono quasi sicura che ha usato l’immagine d’Anya, sapendo che lui l’avrebbe seguita. Anche se non capisco come ha fatto ad essere così stupido, dopotutto sapeva che il First può prendere le sembianze delle persone morte”.
“Quando perdi una persona che ami tanto, speri sempre che possa tornare, anche solo per un ultimo saluto. Quindi io non giudicherei!” disse Willow, mentre guardava nella direzione di Tara. La ragazza ricambiò lo sguardo. Questo fu interrotto da Kennedy che disse “L’unica cosa che ci resta da fare, è andare là fuori. Cercare di rovinargli anche questo piano, e potercene finalmente torna nella nostra dimensione” concluse con tutta la rabbia che aveva in corpo. La cacciatrice si era quasi del tutto ripresa, dopo la sua ultima disavventura con la copia mal riuscita di Willow.
“Hai ragione questa cosa sta andando troppo oltre, vediamo di cancellare il Primo da questo mondo una volta per sempre” disse Dawn, al suo seguito fecero cenno d’assenso anche le altre cacciatrici.
Preparatesi per andare incontro al loro destino, qualunque fosse, si avviarono all’esterno della caverna. Oltrepassarono la cascata, raggiunsero la riva. Tutti uniti, s’incamminarono nella foresta, i raggi del sole filtravano attraverso le foglie degli alberi più alti, lasciando di tanto in tanto una linea di luce nelle parti meno illuminate. Le ragazze erano concentrate ma al contempo preoccupate per ciò che le attendeva.
La loro ‘passeggiata verso il destino’ terminò nel centro della foresta. Quando videro Xander senza sensi penzolare da un albero, cercarono di capire se era una trappola, il fatto che lo avessero trovato così facilmente, l’insospettiva.
D’improvviso udirono rumori e videro strane ombre in movimento dietro gli alberi, e in poco tempo furono circondati dai damerini del Primo. Da tutte quelle ombre presenti, soltanto una si fece avanti acquisendo un volto. Il volto che sì materializzò loro fu quello d’Anya. Questo confermò la teoria di Buffy, che come al solito aveva visto giusto. Stranamente, Anya-First si fermò al centro dell’accerchiamento e fissò tutti presenti con un sorrisetto maligno, stampato sulla faccia. Tutti attendevano una sua mossa, ma il First rimase lì a fissarli, mentre i suoi seguaci uscirono dai loro nascondigli e diedero inizio ad una lotta senza alcuna pietà. In mezzo a tutto quel trambusto Tara e Willow si stavano preparando per dare un ultimo saluto al Primo. Cercarono di fare il più veloce possibile, perché ogni minuto che perdevano poteva costare la vita ad una delle cacciatrici.
E anche a loro.

Stavano per pronunciare l’incantesimo, quando uno dei damerini del Primo, ferì Tara di striscio. Nonostante le facesse male fece segno a Willow che era in grado di continuare. Le due ragazze si presero per mano, e Troxas che portava al collo Tara cominciò ad illuminarsi, intorno a loro s’innalzò una luce di varie sfumature di blu. Nel momento in cui stavano per colpire, il First rimase lì incredulo del fatto che avessero trovato l’incantesimo in così poco tempo, ed erano anche in grado di usarlo. Nel colpirlo, le voci di Tara e Willow s’unirono all’unisono, nel citare l’incantesimo:

IL MALE SI STA AVVICINANDO LASCIA CHE
LE TENEBRE VENGANO RESPINTE
SALVAMI CON LA MIA DIFESA
PROTEGGIMI CON IL POTERE DEL BENE
VENTO CHE SOFFIA FORTE,
VENTO CHE SA DI MORTE
E OTTIENE TUTTO Ciò CHE VUOLE
CHE QUESTO DEMONE SIA DISTRUTTO
DA QUESTE PAROLE

La forza che emanava l’incantesimo fece indietreggiare la gang, ma lo spettacolo quasi pirotecnico che si presentava davanti ai loro occhi, lì sorprese ancora di più. Infatti, la luce alla quale avevano dato vita le due streghe, cominciava a concentrarsi al centro per poi puntare dritta verso il First. Il raggio che si scagliava contro il male primordiale non aveva più quelle bellissime sfumature di blu, ma era diventato una mescolanza di nero e grigio, e da esso scaturivano dei lampi di energia di colore viola. Quando questo raggiunse il First, questi cominciò a deformarsi, infatti, il raggio agiva dal suo interno distruggendolo dalle viscere. L’immagine del male primordiale era lentamente risucchiata all’interno del raggio, quando fu del tutto avvolto da esso si aggiunsero dei colori di blu e rosso.
Tutti i colori che erano presenti dentro il fascio di luce, divennero ancora più accesi. Quando sembrava che questo sarebbe esploso, il fascio di luce si ritrasse violentemente verso Troxas, l’urto fece indietreggiare Tara.

Nello stesso istante in cui il First sparì dalla loro vista, l’Ere che portava al collo Willow s’illuminò emanando una luce fortissima che si andava allargando, e dal centro di essa cominciava a prendere vita una specie di vortice che tendeva ad avvicinarsi verso di lei. Con la scomparsa del male primordiale, tutti gli incantesimi e tutti i disastri generati da esso vennero cancellati. Così Ere entrò in funzione come passaggio per il ritorno dei nostri eroi nella loro dimensione, approfittarono dei pochi istanti che erano a loro disposizione, per salutare Spike e Tara.

Buffy abbracciò Tara e lo stesso fece con Spike e saltò nel tunnel spazio temporale, poi Xander salutò Tara e a fatica diede la mano a Spike dopodiché la seguì. Fu il turno di Dawn, che con le lacrime agli occhi salutò i suoi amici e seguì Xander, venne il turno delle cacciatrici. Per ultima rimase Willow, non voleva lasciare Tara, ma lei disse “Devi andare, tesoro. Ora andrà tutto bene, puoi tornare nella tua dimensione. Ricorda il nostro è vero amore, sarà per sempre”
“Si per sempre, ti amo. Piccola” le disse e la baciò teneramente, era un addio. Lo capirono entrambe. Dopo si voltò e saltò nel tunnel. Questo si richiuse, separando ancora una volta i due mondi.

La gang arrivò nella loro casa, uscendo dal tunnel che li riportò esattamente da dove erano partiti. Ad attenderli c’erano il resto dei loro amici, compreso Giles il quale chiese con curiosità com’era andata.

Share.

Leave A Reply